TREND REPORT: MILANO MODA UOMO PE 2015

by Mauro
Our favorite looks from Milan Menswear Fashion Week SS 2015
Costume National SS 2015. Photo courtesy of style.com
Costume National SS 2015. Photo courtesy of style.com
Ermenegildo Zegna SS 2015.
Ermenegildo Zegna SS 2015. Photo courtesy of style.com
Calvin Klein Collection SS 2015. Photo courtesy of Calvin Klein
Calvin Klein Collection SS 2015. Photo courtesy of Calvin Klein
Dolce&Gabbana SS 2015. Photo courtesy of style.com
Dolce&Gabbana SS 2015. Photo courtesy of style.com
Moncler Gamme Bleu SS 2015. Photo courtesy of style.com
Moncler Gamme Bleu SS 2015. Photo courtesy of style.com
Bottega Veneta SS 2015. Photo courtesy of style.com
Bottega Veneta SS 2015. Photo courtesy of style.com
Prada SS 2015. Photo courtesy of style.com
Prada SS 2015. Photo courtesy of style.com
Fendi SS 2015. Photo courtesy of style.com
Fendi SS 2015. Photo courtesy of style.com
Dsquared2 SS 2015. Photo courtesy of style.com
Dsquared2 SS 2015. Photo courtesy of style.com
Gucci SS 2015. Photo courtesy of style.com
Gucci SS 2015. Photo courtesy of style.com
Neil Barrett SS 2015. Photo courtesy of style.com
Neil Barrett SS 2015. Photo courtesy of style.com
Canali SS 2015. Photo courtesy of Canali
Canali SS 2015. Photo courtesy of Canali
Etro SS 2015. Photo courtesy of style.com
Etro SS 2015. Photo courtesy of style.com
Tod's J.P. Club SS 2015. Photo courtesy of Tod's
Tod's J.P. Club SS 2015. Photo courtesy of Tod's
Phillip Plein SS 2015. Photo courtesy of style.com
Phillip Plein SS 2015. Photo courtesy of style.com
Andrea Pompilio SS 2015. Photo courtesy of style.com
Andrea Pompilio SS 2015. Photo courtesy of style.com
Ermanno Scervino SS 2015. Photo courtesy of wwd.com
Ermanno Scervino SS 2015. Photo courtesy of wwd.com
Versace SS 2015. Photo courtesy of style.com
Versace SS 2015. Photo courtesy of style.com
MSGM SS 2015. Photo courtesy of MSGM
MSGM SS 2015. Photo courtesy of MSGM
Giorgio Armani SS 2015. Photo courtesy of Giorgio Armani
Giorgio Armani SS 2015. Photo courtesy of Giorgio Armani
Jil Sander SS 2015. Photo courtesy of Jil Sander
Jil Sander SS 2015. Photo courtesy of Jil Sander
Marni SS 2015. Photo courtesy of Marni
Marni SS 2015. Photo courtesy of Marni
Trussardi SS 2015. Photo courtesy of Trussardi
Trussardi SS 2015. Photo courtesy of Trussardi
Andrea Incontri SS 2015. Photo courtesy of Andrea Incontri
Andrea Incontri SS 2015. Photo courtesy of Andrea Incontri
N. 21 SS 2015. Photo courtesy of N.21
N. 21 SS 2015. Photo courtesy of N.21
Iceberg SS 2015. Photo courtesy of style.com
Iceberg SS 2015. Photo courtesy of style.com
Antonio Marras SS 2015. Photo courtesy of Antonio Marras
Antonio Marras SS 2015. Photo courtesy of Antonio Marras
Missoni SS 2015. Photo courtesy of style.com
Missoni SS 2015. Photo courtesy of style.com
Emporio Armani SS 2015. Photo courtesy of Emporio Armani
Emporio Armani SS 2015. Photo courtesy of Emporio Armani
Salvatore Ferragamo SS 2015. Photo courtesy of style.com
Salvatore Ferragamo SS 2015. Photo courtesy of style.com

Ehi Pretty Birds,

che cosa avete combinato in questi ultimi giorni? Noi abbiamo seguito la settimana della moda uomo di Milano e ci siamo divertite un sacco alle sfilate delle collezioni della PE2015. Ecco per voi il nostro trend report, con tutti i look che ci sono piaciuti di più.

Sulle passerelle si sono visti tanti motivi grafici, soprattutto da Emporio Armani (tra righe e un tema “Avant-garde”), MSGM (stampe e pattern grafici), Ermenegildo Zegna (righe) e Gucci (righe in stile mod). Da Costume National si respira un’atmosfera rock and roll anni Settanta, ispirata a Jimi Hendrix e Mick Jagger, Jim Morrison e i Led Zeppellin (Ennio Capasa li ha voluti mettere dentro tutti, per non farsi mancare nulla), nei pezzi cool in suede vistosi ma semplici, mentre il ragazzo mod dallo spirito rock and roll di Gucci ha ricevuto un makeover in stile nautico (Frida ha citato “Mick in Mustique” e “Steve Tyler”). Anche il ragazzo di Andrea Pompilio è un  rock and roll bourgeoise, un ribelle gentile che indossa camicie con orli plissettati e felpe decorate con borchie e occhielli.

Da Prada l’atmosfera era “femminile incontra maschile” (Miuccia ha commentato: “ogni volta che preparo una sfilata maschile, penso che sarebbe fantastica anche per le donne – o almeno per me” – a noi sono piaciuti in particolare i capi con impunture), così come da Ermenegildo Zegna.  Capi essenziali, contemporanei, eleganti si sono visti da Fendi, Calvin Klein e Neil Barrett.

Anche la palette cromatica richiama dagli anni 70 – dal monocromo colorato di Costume National, dall’azzurro al viola al cremisi, alla palette di nero/ blu, verde salvia, magenta, turchese/caffè di Ermenegildo Zegna (che ci ha ricordato anche la palette di Stefano Pilati per Yves Saint Laurent – la collezione ha un’atmosfera nordafricana che è molto YSL).

Le palette monocromatiche ritornano anche da Calvin Klein (toni nudi – nudi per pelle di ogni colore), Neil Barrett, (bianco e nero, o bianco e beige), Ermanno Scervino (beige, diversi blu, nero). Colori più strong, dal pop al fluo, si sono visti da Etro (turchese, rosa e verdi), Dsquared2 (un’esplosione di pop fluo), Canali (sorprendentemente, Andrea Incontri ha dato un twist inaspettato a una collezione molto sartoriale) e di nuovo Calvin Klein, che ha utilizzato giallo, arancio e rosso fluo nei suoi top in pvc (molti stilisti hanno usato la doppia scelta di monocromi neutri e tonalità fluo nella stessa collezione). Un blu molto ricco, più scuro del blu Klein ma più chiaro del navy, viene usata da  molti designer nei capi in pelle, pantaloni e giacche sartoriali.

Nella gran parte delle collezioni la silhouette è nuova e sofisticata, fluida, rilassata, comoda – così da Ermenegildo Zegna, Missoni, Bottega Veneta (qui gli appunti del designer parlano di “movimento e libertà”). Anche l’atmosfera di Marni, rilassata e tra lo sporty e il sartoriale, è stata riproposta in molte delle collezioni. Le giacche e i pantaloni sono più fluidi, decostruiti,  con una vestibilità  rilassata.

Ancora sullo sport: se Antonio Marras si ispira al calcio, Phillip Plein (spettacolari la sua sfilata e l’after party, intorno a una piscina che il designer ha comprato e ristrutturato!) e Moncler Gamme Bleu scelgono il pugilato.

Gli accessori: la prossima stagione uomo è tutta incentrata su cravatte, ciabatte e zaini. Abbiamo adorato gli zaini pratici di Marni, quelli in pelle gialla, blu e nera di Fendi, quelli di MSGM che siamo sicure andranno a ruba, e i più classici visti da Andrea Incontri e N.21.

Le nostre preferite sono state la collezione fun e pop di Dsquared2 con i capi in camo fluo e ispirati alla pop art anni Ottanta, le t-shirt ispirate a Andy Warhol e gli omini simili ai graffiti di Jean Michel Basquiat. Da Fendi bellissimi i capi in denim avant-garde (giacche e soprabiti che sembravano in jeans sabbiato erano in realtà in pelle, stampate mediante una tecnologia innovativa e elaborate per ottenere una sensazione gommosa), e l’idea nata dalla nuova collaborazione del brand con le cuffie Dr. Dre, per cui i modelli hanno sfilato ascoltando musica (mentre il sound system pompava le parole “This is a journey into sound”). Altri punti alti: i sexy toreri di Dolce & Gabbana (ispirati alla dominazione spagnola in Sicilia, 1516-1715) e la sfilata di Moncler Gamme Bleu – una location a cielo aperto con un grande ring da boxe decorato con il classico tricolore di Thom Browne, sul quale hanno sfilato vestaglie decorate, pantaloncini a vita alta, completi in plaid, tartan o seersucker e stivaletti stringati. Davvero divertente. Fantasioso. E l’ultima uscita di Ermanno Scervino? Modelli forti e suggestivi in accappatoi di seta a pois e pantofole con iniziali. Niente male.

Quello che non ci ha convinto del tutto: la collezione di Etro, “Siamo quel che mangiamo”, con stampe di crostacei, frutta, pesce, verdura, lasagne (ma adoriamo i completi monocromatici in colori pop); Iceberg e il suo eccesso di stampe di ogni genere (marmorizzate, tie-dye, piume, pennellate) in una collezione non ben definita; la collezione di MSGM è molto commerciale, ma le manca qualcosa rispetto alla scorsa stagione (ma di sicuro compreremo lo zaino!).

Eccovi una gallery con i nostri look preferiti. Buona visione!

Margherita Calabi.

Isabella Venerosi ha contribuito a questo post.

You may also like